Home / Sessuologia / Soluzione Eiaculazione Precoce, Ritardare con i Consigli Cinesi

Soluzione Eiaculazione Precoce, Ritardare con i Consigli Cinesi

Ritardare l’Eiaculazione, Consigli CinesiNel libro “Il Tao dell’Amore”, scritto da Jolan Chang, l’autore Wu Hsien inserisce alcune “dritte” per tenere sotto controllo l’orgasmo maschile ed evitare l’eiaculazione precoce. Si tratta di consigli antichi, ma a quanto pare sempre validi per chi desidera risolvere questo imbarazzante problema che può compromettere l’intimità. Vediamoli nel dettaglio.

Prima di tutto, è bene non farsi sopraffare dall’eccitazione. Per fare questo, sarebbe consigliabile avere le prime esperienze sessuali con partner non troppo avvenenti e che abbiano la vagina non molto stretta, per tenere meglio a bada l’eiaculazione. I principianti, ovvero coloro che sono alle prime armi nel sesso, devono riuscire a penetrare in maniera lenta per poi ritirarsi velocemente. Nella pratica, si comincia alternando tre spinte superficiali ad una più profonda, ripetendo tale modalità per almeno ottanta volte.

Se durante il rapporto sessuale ci si accorge di perdere il controllo dell’eiaculazione, è bene ritirare il pene e tenerlo in vagina solo la punta, aspettando che l’eccitazione si smorzi per poi continuare. Si può poi passare alla fase successiva, ossia cinque spinte superficiali alternate ad una più profonda. Le spinte possono essere portate fino a nove. Wu Sein suggerisce, inoltre, di avere pazienza e non forzare troppo i tempi. Il rimedio per l’eiaculazione precoce è anche l’esercizio fisico costante e graduale.

Solo così i risultati potranno essere permanenti nel tempo ed efficaci. A questi antichi consigli cinesi potrebbero aggiungersene altri più moderni, come la masturbazione prima dell’incontro o la preferenza per posizioni erotiche più comode. Per esempio, pare che quella con lui sotto e lei a cavalcioni sopra sia la migliore per chi soffre di eiaculazione precoce.

Inoltre, un altro elemento che influenza l’eiaculazione maschile è la scarsa frequenza nei rapporti. Meno si fa sesso, più veloce è il tempo in cui si giunge all’apice del piacere. Sarebbe auspicabile, infatti, che la vita sessuale sia regolare e appagante, senza troppi periodi di astinenza.