Home / Salute / La Dieta Senza Latte

La Dieta Senza Latte

Il latte non ti piace, o hai scoperto di essere intollerante al lattosio? Per non far mancare all’organismo le sostanze nutritive che il latte e i suoi derivati apportano (tra cui il calcio), è importante sostituirlo nel modo più giusto possibile. Una dieta senza latte e formaggi deve essere particolarmente attenta a scegliere gli alimenti che li sostituiscano: in questo modo è possibile perdere fino a tre chili in un mese. Se la scelta di seguire la Dieta senza latte deriva da un’intolleranza al lattosio, lo zucchero del latte, sappi che molte volte per stare meglio basta ridurre la quantità dei latticini, senza farli scomparire del tutto dal menù.

Piccole quantità come il parmigiano sulla pasta di solito sono ben tollerate, mentre in genere non danno problemi il latte privo di lattosio e lo yogurt. Se invece il sapore del latte e dei formaggi non ti piace, oppure riesci a mangiare solo quelli più freschi o la mozzarella, sappi che secondo i nutrizionisti i  formaggi andrebbero consumati 2/3 volte alla settimana. In mancanza, bisogna optare per cibi che contengano proteine, come i legumi ed il pesce.

Ma come è possibile integrare i livelli di calcio necessari (soprattutto per la donna durante l’adolescenza e la menopausa) senza mangiare latte e derivati? Ecco qualche consiglio al riguardo. A colazione, oltre ad una bevanda calda come il caffè o il tè, sono consigliati i cereali integrali, oppure i bastoncini di fibra e il pane integrale.

Per assumere i sali minerali indispensabili per la salute dell’organismo è importante consumare almeno due porzioni di verdura giornaliere. A pranzo e a cena vanno privilegiati il riso, la pasta e il pane integrali. Inoltre, bevendo ogni giorno un litro e mezzo di acqua con alto contenuto di calcio si arriva a coprire il livello previsto (per una donna adulta, ad esempio, è di 800/1000 mg di calcio al giorno).

Chi segue uno stile di vita vegetariano o anche chi desidera assaggiare un latte dal gusto diverso può optare per quello vegetale: il latte di mandorle, soia e riso sono una valida alternativa per chi non vuole consumare il classico latte vaccino. Alcuni di essi sono addizionati con il calcio. Meglio però non eccedere con la quantità, a causa del loro valore calorico, spesso elevato.