Home / Salute / Dieta Mediterranea Dimagrante

Dieta Mediterranea Dimagrante

Ecco un altro post su una dieta molto interessante: la Dieta Mediterranea!

Ci tengo molto alla salute ma non sono assolutamente una fissata di diete, in questo blog consiglio varie diete, le più popolari e che in molti provano com per esempio la dieta dukan, mi affascina documentarmi e ascoltare i vari pareri. La dieta mediterranea è considerata tra le diete più salutari ed efficaci che si possono provare.

La parola “dieta” in greco significa “stile di vita”, e rappresenta l’insieme delle conoscenze, pratiche, espressioni, abilità e saperi che ruotano attorno ad uno specifico regime alimentare.

Nel caso della “Dieta Mediterranea” sono i popoli abitanti la zona del Mediterraneo (in particolare Italia, Spagna, Marocco, Grecia e Spagna) che hanno creato nel tempo tale sintesi tra ambiente culturale e rito del mangiar bene. Di recente la dieta mediterranea ha conseguito un importante riconoscimento, poiché l’UNESCO l’ha inserita nella lista degli elementi che costituiscono “patrimonio immateriale dell’umanità”.

Questa lista contiene altri due “gioielli” italiani: il Canto a tenore sardo e l’Opera dei Pupi siciliana. Quando si parla di “Dieta Mediterranea” ci si riferisce a tutti i passaggi che accompagnano il cibo sulla nostra tavola: la coltura, la pesca, la raccolta, la trasformazione, la conservazione, la preparazione e, in ultimo, il consumo.

Il modello nutrizionale che propone la dieta mediterranea è rimasto immutato nel tempo, e comprende cereali, carne, olio di oliva, frutta secca e fresca, latticini, carne, verdura, accompagnati da spezie e condimenti vari. A tavola non può certo mancare il vino, che è diverso a seconda delle varie zone e delle tradizioni locali.

Se consumato durante i pasti con moderazione, questa bevanda è un toccasana. La Dieta Mediterranea non è soltanto un regime alimentare che apporta benefici all’organismo, ma un vero e proprio stile di vita che mette al primo posto il mangiare insieme, quindi la convivialità e l’interazione sociale.

La dieta mediterranea promuove il rispetto del territorio e delle tradizioni legate ad esso: un ruolo molto importante è svolto dalle donne, che trasmettono i saperi antichi di generazione in generazione.

Principi della Dieta Mediterranea

La dieta mediterranea è stata scoperta e divulgata dal medico americano Ancel Keys. Questi, sbarcato a Salerno durante il secondo conflitto mondiale, si rende conto che in questo posto la gente si ammala meno di patologie cardiovascolari e la vita media è più lunga rispetto ad altri Paesi.

Comincia quindi a studiare il nesso esistente tra il cibo e l’insorgere delle malattie, soffermandosi in particolare sui principi ed i benefici. Coadiuvato da un team di studiosi, Keys analizza le abitudini alimentari e lo stile di vita di circa 12.000 individui che vivono in Italia, Stati Uniti, Giappone, Jugoslavia, Olanda e Grecia. In seguito a tali studi il medico americano individua la cosiddetta “piramide alimentare”, un modello che prevede un limitato consumo di grassi e proteine privilegiando invece i carboidrati.

Stando ai recenti studi effettuati, la Dieta Mediterranea ha molteplici benefici: rafforza la memoria, migliora la libido, combatte gli stati depressivi.

Alimenti della Dieta Mediterranea:

La Dieta Mediterranea propone il consumo di alcuni alimenti tipici della zona del Mediterraneo: pomodoro, latticini, uova, verdura e frutta, legumi, pesce, carne, cereali (farro, mais, orzo, avena). Quasi tutti i cibi vengono conditi con olio extra vergine di oliva, che è molto apprezzato sia per il gusto che per i benefici sull’organismo.

Ha numerose varianti la dieta mediterranea, a seconda del numero di calorie che bisogna assumere quotidianamente. Ecco di seguito un esempio in grado di far perdere 1-2 chili in una settimana.

Lunedì

Colazione: Una tazza di latte parzialmente scremato, 125 g di yogurt magro ed un caffè;

Spuntino a metà mattina: una pera;

Pranzo: orata ai ferri, riso integrale con carciofi, insalata condita con olio extra-vergine di oliva;

Merenda: un succo di arancia;

Cena: 200 g di cicorie lessate, 2 uova sode, 40 g di pane integrale, un frutto a scelta.

Martedì

Colazione: 50 g di fette biscottate, una tazza di tè, 30 g di marmellata alla frutta;

Spuntino a metà mattinata: spremuta di arancia o altri agrumi;

Pranzo: fusili integrali con basilico e pomodoro (70 g), fesa di tacchino ai ferri (150 g), spinaci lessi conditi con limone;

Merenda: 125 g di yogurt magro bianco;

Cena: 100 g di salsiccia ai ferri, due patate lesse, 200 g di insalata di pomodori condita con olio extra vergine di oliva e un po’ di sale.

Mercoledì

Colazione: 125 g di yogurt magro bianco, una tazzina di caffè, 20 g di muesli;

Spuntino a metà mattina: una mela;

Pranzo: mozzarella e carote, insalata di farro;

Merenda: un frutto;

Cena: 200 g di cavolfiore cotto a vapore, 200 g di sogliola.

Giovedì

Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato con caffè, 125 g di yogurt magro bianco;

Spuntino a metà mattina: un’arancia;

Pranzo: mozzarella, finocchi lessi, 80 g di spaghetti con pomodoro;

Merenda: yogurt magro bianco (125 g);

Cena: due fette di pane integrale, 150 g di petto di pollo, radicchio.

Venerdì

Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato con caffè, 20 g di muesli;

Spuntino a metà mattina: yogurt bianco magro (125 g);

Pranzo: insalata, risotto con zucchine, un frutto;

Merenda: spremuta di arancia;

Cena: insalata di pomodori e lattuga condita con olio extra-vergine di oliva, 200 g di merluzzo lesso.

Sabato

Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato con caffè, 20 g di muesli;

Spuntino a metà mattina: una pera;

Pranzo: 100 g di certosino, insalata mista condita con olio, sale e aceto, 70 g di orzo con verdure grigliate;

Merenda: yogurt magro bianco (125 g);

Cena: insalata mista con pomodoro e soia, due carote crude.

Domenica

Colazione: tè con 50 g di fette biscottate, marmellata alla frutta (30 g);

Spuntino a metà mattina: una mela;

Pranzo: spaghetti integrali con pomodoro e basilico (70 g), sgombro al cartoccio (150 g), contorno di fagiolini lessi;

Merenda: yogurt magro bianco (125 g);

Cena: insalata mista di soia e pomodori a fette, due carote crude.

Ricordo come ho già detto che questa dieta settimanale proposta è solo un esempio di dieta mediterranea da seguire.